La festa dei bambini, tra passato e presente

cinema coreano

La festa dei bambini 어린이날 • eorininal in Corea del Sud

Il 5 maggio in Corea si festeggia 어린이날 • eorininal, la Giornata dei Bambini. 

Questa ricorrenza che risale al 1922, venne portata avanti dall’attivista e scrittore 방정환 • Bang Jung-hwan. 

Questa festività nasce durante il dominio giapponese sul territorio coreano ed il fondatore, insieme al altri suoi colleghi ritennero importante infondere ai bambini una speranza per il loro futuro. All’epoca non vi erano molti bambini che potevano avere accesso all’istruzione, anzi, al contrario, la maggior parte lavorava nei campi o si recava in città a lavorare nelle fabbriche.

Lo stesso Bang Jung-hwan affermava che

I bambini sono il futuro della nostra nazione.

 

Bang creò il termine 어린이 • eorini, sull’esempio della parola 어른 • eoreun, adulto, per incoraggiare le persone a rispettare e considerare i bambini persone indipendenti.

Per l’occasione, essendo un giorno di festa nazionale, le famiglie trascorrono le giornate al parco, fanno picnic all’aperto e gite fuori porta al parco dei divertimenti o allo zoo.

Oggi la Corea festeggia il suo 100simo anniversario di questa ricorrenza. Tuttavia, secondo il Presidente della National Human Rights Commission of Korea Song Doo-hwan la qualità della vita e il livello di felicità e serenità dei bambini coreani è scarsa.

In un report del 2018 a seguito dei risultati del sondaggio del Ministry of Health and Welfare è emerso che il 70,4% degli intervistati tra bambini e adolescenti tra i 9 e 17 anni sono affannati dalla mancanza di tempo per via degli studi e compiti scolastici; tra questi il 16% ha ammesso di sentirsi stressati quotidianamente.

Il soldato americano Frederic H. Dustin fu testimone, nel 1952, delle condizioni in cui riversavano le persone per le strade di Seoul, specialmente dei bambini che si riunivano ai bordi delle ferrovie rincorrendo i soldati richiedendo cibo.

Un’esperienza che non dimenticherà mai, quella sensazione “deprimente ed inumano” verso quei volti che ha documentati in dei scatti.

Una festività non solo per celebrare gli individui del futuro, ma anche e soprattutto per ricordare di valorizzarli.

Fonti:

The Korea Times [1][2]

© Questo articolo è stato scritto, redatto e revisionato da Giulia
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
Se si prende l’articolo o una parte di esso, si prega di citare.

Giulia S
Giulia. Cresciuta a pane e k-drama ha creato questo spazio per parlare del suo paese d'origine, la Corea del Sud, a 360° facendo perno sulla sua interculturalità e vuole sviluppare un ponte bi-direzionale tra la Corea e l'Italia. Racconta la Corea attraverso i kdrama con #dramiamo, propone uno sfizioso aperitivo coreano con #eatdrinkorea e fa lunghi approfondimenti sulle notizie dalla Corea per #rassegnadallacorea, il tutto a suon di Kpop con #radio360. Ogni tanto esce dal paese per osservare le altre culture con #oltrelacorea.

Articoli che ti potrebbero interessare

Little Women Ep 1-2
Dramiamo

Little Women Ep 1-2

Tutto mi sarei aspettata tranne un inizio così promettente, esplosivo ed imprevedibile. Sì, perché Little Women è un thriller in piena regola, mi sono lasciata ingannare dal romanzo da cui è tratto, pensando genuinamente che si trattava di una saga familiare. Nessuno sembra essere la…

Leggi Tutto »
Coogie AOMG
K-pop

Scopriamo l’artista: Coogie

Kim Jeong-hun, aka Coogie è un rapper e compositore sud coreano, che ha raggiunto la popolarità dopo aver partecipato nel 2018 al programma Show Me The Money 777. Nel 2020 rilascia il singolo “Fadeaway” in collaborazione con Jvcki Wai, Paloalto, The Quiett, e Bassagong, con…

Leggi Tutto »