L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane a cura di Fiore Lidia, Iuliani Micole, Pirozzi Erika

Nella società coreana tradizionale, sin dalla tenera età, è richiesto alle donne di imparare le virtù confuciane della subordinazione e della sopportazione per prepararle al loro futuro di madri e mogli mentre, nel frattempo, viene loro negata ogni tipo di opportunità di prendere parte nelle attività al di fuori della loro casa. Inoltre, la discriminazione tra i sessi, a favore di quello maschile, basata, com’era, sul confucianesimo feudale, dominava tutti gli aspetti della vita delle donne. Come risultato, le donne hanno dovuto vivere una vita subordinata all’uomo. Verso la fine del XVIII secolo, l’emergere della Scienza Pratica introdusse la questione della parità dei diritti umani e, in modo limitato, fornì opinioni positive sulla partecipazione sociale delle donne. Inoltre, con l’introduzione del Western Learning, alla fine del XIX secolo, l’apertura della Corea al mondo esterno accelerò la partecipazione sociale delle donne.

“Sviluppo delle donne” significa incremento della loro partecipazione economica e delle pari opportunità e della parità di trattamento nella forza lavoro, nonché l’abbandono della percezione discriminatoria delle donne nella società. Inoltre, significa che le donne, in quanto membri della società, dovrebbero assumersi uguali responsabilità e condividere uguali oneri per la società in cui i sistemi legali e sociali sono sostenuti allo stesso modo per le donne.

Le organizzazioni femminili coreane hanno inviato rappresentanti a varie conferenze internazionali tenute in connessione con il Decennio delle Nazioni Unite per le donne per consolidare le relazioni di cooperazione e per scambiare informazioni con organizzazioni di controparti straniere.

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane (Korean Women’s Development Institute) è stato fondato nel 1983 come istituto di ricerca, gestito dal governo responsabile delle questioni femminili e, da allora, ha condotto diverse ricerche politiche relative al genere che hanno contribuito al miglioramento dei diritti delle donne e allo sviluppo della società. Questo istituto ha accumulato e diffuso informazioni e conoscenze sia accademiche che pratiche sulle politiche delle donne e delle donne e ha, anche, raccomandato al governo molte proposte politiche adeguate e tempestive

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane consiste di una divisione di pianificazione e coordinamento, tre dipartimenti di ricerca con sei centri e un dipartimento amministrativo.

Obiettivi

L’obiettivo del Centro Informazioni delle Donne dell’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane è quello di facilitare la definizione delle politiche del governo e la ricerca e le attività delle donne raccogliendo sistematicamente dati sulle donne in vari campi, organizzandoli, confezionandoli e distribuendoli al pubblico nazionale, regionale e mondiale. Per facilitare il suo lavoro, il Centro Informazioni delle Donne prevede di gestire una rete di informazioni che colleghi le organizzazioni femminili all’interno del paese tra loro, alla rete regionale di informazioni sulle donne per l’Asia e il Pacifico (WINAP) di ESCAP e alle reti di informazioni sulle donne in tutto il mondo.

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane si sforza di essere il leader globale nella ricerca sulle politiche di genere e di realizzare l’uguaglianza di genere in Corea. Per portare a termine la missione, Yookyung Mun (coreano: 문유경), la 16° presidentessa dell’istituto dal 24 settembre 2020, ha stabilito e promosso la seguente nuova serie di obiettivi di gestione per gli anni fino al 2021.

• Migliorare il piano sistematico per rivitalizzare le politiche di uguaglianza di genere di tutti i ministeri e scoprire i compiti politici;

• Sviluppare politiche multidisciplinari per realizzare l’uguaglianza di genere inclusiva;

• Scoprire politiche pratiche per l’uguaglianza di genere relative all’invecchiamento della società, al basso tasso di natalità e alla diversità familiare;

• Migliorare la capacità di attuare politiche di prevenzione della violenza contro le donne dopo il Movimento Me Too;

• Rafforzare l’attuazione della politica del lavoro femminile per la parità di genere;

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane è stata la principale agenzia responsabile per le questioni femminili e ha contribuito a rendere la politica delle donne coreane in ogni importante punto di svolta della storia del paese. La leader dell’istituto ha raccomandato molte politiche fondamentali per le donne come quelle sulla famiglia, lo sviluppo del potere femminile, la violenza sessuale, il commercio sessuale e l’integrazione di genere. Ha, anche, contribuito alla produzione di conoscenze e dati relativi alle donne, come statistiche sulla consapevolezza di genere e indagine del panel di donne · famiglie. Come tutti i presidenti hanno fatto negli ultimi 25 anni, Yookyung Mun (coreano: 문유경) intende contribuire continuamente allo sviluppo delle donne coreane, sviluppando e sostenendo politiche costruttive per le donne.

Storia

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane, è un’organizzazione sostenuta dal governo, è stato istituito per promuovere la partecipazione sociale e il benessere delle donne, svolgendo ricerche e studi sulle donne, fornendo istruzione e formazione alle donne e assistendo le attività delle donne

Alla fine del XIX secolo, la partecipazione sociale delle donne è diventata attiva nella società coreana e il riconoscimento sociale dei diritti e dei ruoli delle donne è cambiato.

Le variazioni di sviluppo sono dovute all’allargamento dei ruoli delle donne basato sul cambiamento sociale, all’aumento del livello di istruzione e al cambiamento familiare, ma soprattutto i cambiamenti sono dovuti a forti esigenze delle donne in cerca di sviluppo.

Con gli sforzi congiunti per il progresso delle donne da parte delle organizzazioni femminili e del governo, negli anni ’80 sono stati istituiti tre macchinari nazionali che si occupano degli affari delle donne: l’Istituto coreano per lo sviluppo delle donne (KWDI) nel 1983, per attuare uno studio completo delle questioni femminili e collegare i suoi risultati con le politiche reali, il Comitato nazionale per le politiche della donna nel 1983, con rappresentanti dei ministeri governativi interessati, e il Ministero degli affari politici, nel 1988.

Quest’ultimo è stato sciolto e la commissione speciale per gli affari femminili è stata costituita

direttamente sotto l’ufficio del presidente nel febbraio 1998.

La divisione informazioni e le pubblicazioni di KWDI hanno raccolto materiali legati alle donne, in patria e all’estero, ed hanno fornito servizi di informazione a ricercatori e attivisti su questioni femminili dall’istituzione dell’Istituto nel 1983.

La divisione informazioni è stata ampliata al Women Information Center (WIC) nel 1996 per cercare di soddisfare il bisogno critico del paese di dati sulle donne.

Da quando il centro è stato fondato, ha lavorato con una vasta gamma di agenzie governative e organizzazioni femminili per migliorare la raccolta di dati sulle donne e migliorarne la distribuzione.

Dal 1995, il WIC ha sviluppato numerosi database in lingua coreana che sono ora disponibili online. Questi riassumono la ricerca e le attività del KWDI. Le singole banche dati includono quelle sulle leggi e le questioni legali di interesse per le donne in Corea; indici e abstract degli investimenti del Women’s History Center; Indici per articoli di riviste e ritagli di giornale sui problemi delle donne.

Premi

Premio Ministro dell’uguaglianza di genere e della famiglia,

(31 dicembre 2012) del Ministero dell’uguaglianza di genere e della famiglia per aver contribuito alla promozione delle donne, dei giovani e delle politiche familiari.

Encomio del Primo Ministro,

(2 luglio 2009) dall’Ufficio del Primo Ministro per aver contribuito al miglioramento dello status delle donne e della parità di genere.

Premio per il miglior progetto di ricerca del presidente

(18 maggio 2000) dal Consiglio nazionale delle ricerche per la ricerca intitolata “Stato della disoccupazione femminile e contromisure”.

Premio Ministro del Lavoro,

(30 dicembre 1995) dal Ministero del Lavoro per aver contribuito alla parità di genere nell’occupazione

Progetti di ricerca

Ogni anno l’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane conduce ricerche di diverso genere con lo scopo di analizzare la condizione delle donne. L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane studia i problemi e le difficoltà delle donne in numerosi campi. In seguito alle ricerche, l’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane cerca di identificare modi per supportare le donne nella ricerca della parità di genere.

Studi del 2021

Piano di riassetto legislativo per rispondere alle molestie sessuali facilitate dalla tecnologia

Poiché la tecnologia ha facilitato il verificarsi di molestie sessuali, l’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane punta a rintracciare nuovi modelli di comportamento criminale per migliorare il sistema legislativo e garantire un miglior sostegno alle vittime di molestie.

Ricerca sulle politiche di assistenza dopo il Covid-19

Considerato che una malattia infettiva come il Covid-19 potrebbe facilmente ripresentarsi, l’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane cerca di trovare nuove politiche di assistenza per combattere una crisi che si è verificata di recente e potrebbe accadere nuovamente.

Studio sui lavori delle donne nell’era della trasformazione digitale

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane desidera garantire una rete di protezione sociale per le donne che intraprendono una carriera lavorativa nell’era della trasformazione digitale, in modo da ridurre i lavori a basso salario.

Studi del 2020

Indagine sulle molestie di genere sul luogo di lavoro

Lo scopo di questa ricerca è identificare lo stato delle molestie sessuali sul lavoro e scoprire come il sistema legislativo agisce per prevenire il verificarsi delle molestie. Ove fosse possibile, l’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane suggerisce modi per migliorare le leggi in questo campo.

Focus sulle politiche di prevenzione delle violenze sessuali

Questo studio analizza le politiche che si occupano di violenza di genere, cerca i punti deboli di queste politiche, quindi suggerisce modi possibili per migliorare il sostegno alle donne.

Studio sulla consapevolezza di genere e l’atteggiamento dei giovani

L’Istituto per lo sviluppo delle donne coreane cerca di scoprire il livello di consapevolezza di genere e i conflitti di genere fra i giovani, quindi analizza gli impatti di questi conflitti sulla società.

SOURCE:

https://origin-archive.ifla.org/IV/ifla64/112-122e.htm 

https://www.kdevelopedia.org/Resources/view/–04201203140098221.do 

https://eng.kwdi.re.kr/publications/annualList.do 

Giulia S
Giulia. Cresciuta a pane e k-drama ha creato questo spazio per parlare del suo paese d'origine, la Corea del Sud, a 360° facendo perno sulla sua interculturalità e vuole sviluppare un ponte bi-direzionale tra la Corea e l'Italia. Racconta la Corea attraverso i kdrama con #dramiamo, propone uno sfizioso aperitivo coreano con #eatdrinkorea e fa lunghi approfondimenti sulle notizie dalla Corea per #rassegnadallacorea, il tutto a suon di Kpop con #radio360. Ogni tanto esce dal paese per osservare le altre culture con #oltrelacorea.

Articoli che ti potrebbero interessare

dramiamo spooky 2022
Dramiamo Sei Tu

Dramiamo Spooky 2022

Quando vide il Coniglio fare il gesto di estrarre un orologio dal taschino del panciotto, guardarlo e riprendere di gran lena il passo, Alice balzò in piedi, perché le era balenato nella mente che non aveva mai visto prima un coniglio con un panciotto né…

Leggi Tutto »
Milano Fashion Week 2022
News

Milano Fashion Week 2022

Per una settimana, la città di Milano si trasforma in un gigantesco palcoscenico i cui riflettori sono puntati sulle passerelle delle diverse maison di lusso, mostrando al mondo le loro collezioni, accompagnate da identità visive plasmate e trasportate dalle visioni dei loro creatori. L’appuntamento annuale…

Leggi Tutto »
Articoli
Shop

Il nostro shop

Partners
Link affiliati
Ristoranti amici

Ristorante Seoul

Via Filippo Turati 49, Roma

Quando andate, dite che seguite il Blog o fate il mio nome, avrete 10% di sconto

Ristorante Seoul Roma